AMMISSIONE

L’Istituto accoglie gli Ospiti non autosufficienti secondo le disposizioni dell’Ulss 2 Marca Trevigiana e nel rispetto del Regolamento della Regione Veneto per la gestione del Registro Unico della Residenzialità (DGR n. 456 del 28/02/2012), nonchè Ospiti autosufficienti.

OSPITI NON AUTOSUFFICIENTI

La domanda di ammissione ai servizi residenziali in convenzione per Ospiti non autosufficienti va presentata ai Servizi Sociali del Comune di residenza dell’anziano, che provvedono a inoltrarla all’Ulss 2 Marca Trevigiana. L’Unità di Valutazione Multidimensionale Distrettuale (UVMD) esamina la condizione della persona per determinarne l’inserimento nel Registro Unico della Residenzialità, ovvero della graduatoria unica di accesso ai Centri Servizi per anziani, aggiornata di norma ogni due settimane.

L’Assistente Sociale dell’Istituto contatta la prima persona della graduatoria del livello assistenziale disponibile, che deve quindi procedere all’accettazione del posto (il rifiuto alla prima chiamata comporta la cancellazione dalla graduatoria).

L’ammissione degli Ospiti non autosufficienti fuori convenzione (retta privata) avviene invece secondo una lista interna. Al liberarsi di un posto, l’Assistente sociale dell’Istituto provvede a contattare la persona o i familiari di riferimento per procedere con l’inserimento.

 

OSPITI NON AUTOSUFFICIENTI IN RICOVERO TEMPORANEO (ex art. 2 riattivativi-riabilitativi)

L’ammissione di Ospiti in ricovero temporaneo per necessità riabilitative e/o riattivative avviene su segnalazione della Centrale Operativa Territoriale (COT) del Distretto Pieve di Soligo dell’Ulss 2 Marca Trevigiana e, in via residuale, dai Servizi Sociali comunali. Accertata la disponibilità del posto letto, la COT o i Servizi Sociali comunali provvedono a informare l’Ospite e/o i familiari che dovranno prendere contatto con l’Assistente Sociale dell’Istituto per procedere con le pratiche di inserimento.

 

OSPITI AUTOSUFFICIENTI

La domanda di ammissione ai servizi residenziali per Ospiti autosufficienti va presentata all’Assistente Sociale dell’Istituto direttamente dall’Ospite o dai suoi familiari, oppure avviene su segnalazione dei Servizi Sociali comunali.

Il Coordinatore dei Servizi Socio-Assistenziali, Sanitari e Riabilitativi effettua una valutazione dell’effettivo grado di autosufficienza dell’anziano tramite un colloquio diretto con l’Ospite e l’analisi della documentazione sanitaria. Se l’esito della valutazione è positivo, l’Assistente Sociale attiva le pratiche per l’accoglimento e contatta la persona quando si libera un posto.

Nel caso non sussistano, invece, le condizioni di autosufficienza, o queste mutino durante la permanenza in struttura, i familiari saranno invitati a rivolgersi all’Assistente Sociale delComune di residenza dell’anziano per fare richiesta di inserimento per Ospiti non autosufficienti.